Blog

Tatuaggi di tendenza tra espressione estetica e grido esistenziale

Tatuaggi di tendenza tra espressione estetica e grido esistenziale

Fin dalla preistoria gli esseri umani usavano colorare alcune parti del corpo, principalmente il volto, come segno di appartenenza a gruppi tribali, categorie, condizioni sociali, comunanza di fede religiosa, finalità propiziatorie o scaramantiche. Tutt’altro è il significato del tatuaggio. Fenomeno collettivo, il dipingersi in maniera indelebile la propria pelle con tatuaggi celebrativi o simbolici o con tatuaggi di tendenza, oggi rappresenta un modo per comunicare con gli altri e agli altri, tanto quanto gli abiti, la postura, l’espressione del viso.

Neri, colorati o bianchi, con motivazioni floreali o tribali, a linea continua o in rilievo, i tatuaggi rappresentano un’espressione estetica e un grido esistenziale capace di rispecchiare il proprio essere. 

I diversi tipi di tatuaggi sono quindi strumenti per dare visibilità, comunicare qualcosa del proprio “io”, affermare la propria diversità. Fondamentalmente ha una duplice finalità: da un lato si rivolgono a se stessi, cioè al portare del tatuaggio al quale ricorda e ripropone motivazioni e significati; dall’altro, comunica ad altri qualche cosa di sé, una peculiarità che in qualche modo si vuole palesare. 

Un tatuaggio racchiude molti significati 

Tatuarsi rappresenta uno sfogo, un modo di imprimersi sulla pelle qualcosa che ha segnato per sempre la storia della nostra vita e non importa se è un disegno enorme o un simbolo incomprensibile a chi non sa leggerlo, o una frase che pochi possono comprendere a pieno. Significa qualcosa di importante per la quale si è pronti a combattere con gli sguardi curiosi della gente e i loro pregiudizi, in quanto rappresenta un pezzo di vita troppo importante per essere tenuto nel cuore e basta, come un ricordo troppo forte, che vuole spazio. 

Un tatuaggio racchiude in sé molti significati, non solo per il disegno che viene scelto, ma anche per il luogo in cui esso viene impresso in modo indelebile. Così, ci sono diversi tipi di tattoo: da quelli celebrativi, come la nascita di un figlio o il superamento di un momento difficile; tatuaggi che rappresentano l’appartenenza a un gruppo o ideologia, o che definiscono un rito di passaggio; tatuaggi come atto di trasgressione o come simbolo sessuale, rendendo il proprio corpo più attraente, ma anche tatuaggi alla moda fatti per puro piacere estetico o per coprire degli inestetismi. 

A volte però non è necessario andare a ricercare significati intrinsechi o nascosti. Farsi un tattoo può essere come quando si decide di appendere un quadro nella propria casa o dipingere le pareti di un determinato colore, a volte ci piace e basta.

Tatuaggi di tendenza

Come detto il tatuaggio è un fenomeno sociale in grado di affermare le proprie tendenze, le proprie mode e i propri stili. L’inizio delle tendenza viene immancabilmente dato sui social dai vari influencer e cantanti che pubblicano sui propri profili nuovi modelli in stile Mehendi, una specie di amuleto dall’energia negativa, o Dreamcatcher o sofisticati disegni floreali. 

Le tendenze tattoo che si andranno via via ad affermare saranno tipi di tatuaggi piccoli e discreti. Che si tratti di piccoli simboli, di fiori, di inziali il vantaggio del del tattoo di piccole dimensioni è la discrezione e il fatto che sta bene a tutti e in qualunque parte del corpo. Tuttavia le zone del corpo destinate ad ospitare i tatuaggi del momento saranno le dita e dietro l’orecchio. 

I prossimi tatuaggi di tendenza dunque saranno piccoli, floreali o con scritte a linea continua, minimalisti e composti da poche linee ma capaci di attrarre l’attenzione di chi li osserva soprattutto se impressi sull’orecchio o sul polso, zone del corpo originali e mai viste prima. Prevalentemente saranno disegnati con inchiostro nero o  colorato ma il bianco darà un tocco glamour e alla moda. Ideali per pelli chiare in quanto con l’abbronzatura tendono a perdere la loro brillantezza e per dare quel tocco di classe, ricercatezza ed eleganza, i tatuaggi bianchi si realizzano con una tecnica simile a quella della scarnificazione, rendendoli simili a un marchio o a un incisione, inoltre l’inchiostro viene passato più volte per diventare più visibile e compatto. 

Per qualsiasi informazione circa i corsi per tatuaggi e piercing non esitare a contattarci

Leave a Reply

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto